.
Annunci online

Repubblica Democratica delle Banane
17 novembre 2011
In tempi di crisi
Monti presenta il programma: come segnale di continuità elenca una serie di promesse irrealizzabili. 

Ai senatori dice: "Vi suggerisco di ascoltare e non di applaudire". Affermazione accolta da scroscianti applausi. 
  
Berlusconi: "Con Monti la democrazia è sospesa". Non resta che attendere che qualcuno tagli il filo.

Molti dei nuovi ministri vengono dal mondo dell'Università. In questo momento di difficoltà, si è dovuto pescare in una delle poche realtà che in Italia funziona. 

Sorpresa fra i nuovi ministri. Ai rapporti con il parlamento c'è Andreotti.

Però una novità è significativa: in tre ministeri chiave sono state scelte tre culone inchiavabili.

A quanto pare, con il governo Monti, Berlusconi esce di scena. Ed ora quell'insopportabile attesa fra un atto e l'altro. 

Però per Maroni con il Pdl è una rottura. Senza Silvio sono noiosi. 

Casini: "L'intesa su Monti è un miracolo". Cercando il consenso dei cattolici.

Bersani: "E adesso rimbocchiamoci le maniche". Credo che ormai sia arrivato alle spalle.

Fini risponde a chi gli ricorda che aveva promesso di dimettersi se l'avesse fatto anche Berlusconi: "Le polemiche sulle dimissioni appartengono ad un'altra stagione". Quando accusava Berlusconi di non saper mantenere le promesse. 

"Governo Monti durerà se i mercati saranno favorevoli" ha detto il presidente della Camera, esaltando la democrazia.

"Votiamo la fiducia. Nel programma mi è parsa una continuità col nostro governo". Ha detto Gasparri, confermando i suoi problemi di attenzione.

La parola d'ordine del nuovo governo è sobrietà. Si teme il proibizionismo.

Ma a quanto pare i mercati reagiscono bene. Diminuisce lo spread fra frutta e verdura.

La famiglia di Monti era al Senato per ascoltare il discorso. E sorridevano.

Lui vuole il 2013. Anche a tasso variabile.

Adesso l'intera classe politica italiana deve avere senso di responsabilità. Bisogna dimostrare subito all'Europa che siamo ancora in grado di fare inciuci.
Repubblica Democratica delle Banane
29 marzo 2011
Comparse

A Forum una finta terremotata loda l'azione del Governo. Voleva essere una perfetta metafora di una finta ricostruzione.

Lei ammette che c'era un copione. E mica da mo.

Intanto la redazione Mediaset difende Rita Dalla Chiesa. Tra l'altro per lei non deve essere stato facile crescere solo con esempi negativi in famiglia.

(Già, c'è brutta gente in giro che per la verità darebbe pure la vita)

"Arrivare a ipotizzare che le affermazioni spontanee della signora abruzzese siano frutto di un piano architettato a tavolino è un chiaro attacco strumentale che Mediaset respinge" precisa la rete in una nota. Inoltre si smentisce anche che la signora abbia cantato.

Eppure la donna dice "L'uomo che interpretava la parte di mio marito nemmeno lo conoscevo". Una frase che sembra rubata dalla lettera di Veronica Lario a Repubblica.

La Pezzopane: "Un insulto alla nostra gente, pensiamo ad una causa civile contro Forum". Sono aperti i provini per affidare la parte di Forum. 

E mentre infuria la polemica, il patron Berlusconi viene accolto al processo Mediatrade da una folla di suoi sostenitori. Che per coincidenza vengono direttamente dai casting di Forum.

In merito alle accuse, ha anche affermato di non essersi mai occupato della compravendita dei diriti cinematografici. Infatti lui al massimo si occupa dei testi.
(Questo lo aveva detto a Mattino 5 a Belpietro, un'altro tipico esempio di persona pagata per recitare una parte.)

Ad ogni modo basta con tutte queste polemiche. Non è una novità che le cause di Forum sono inventate e chi è lì è solo un attore. Una persona che guarda quel programma sa che sta vendendo qualcosa di non vero, così come lo sa un grande fan dei Cesaroni o un telespettatore del Tg1. La grande fiction italiana, che ha un suo nome e una sua tradizione. Non la si può attaccare in questo modo. Anche se parla di temi scomodi, come la diversità, l'omosessualità, le sedie dell'Ikea, la finta ricostruzione dell'Aquila.
Pensate che sia facile scrivere dei testi che parlano di questo ed essere realistici? Pensate a chi deve scrivere i discorsi del Premier, o il programma del Pd, che ogni giorno deve inventarsi cose che non esistono. Bé questa è anche la vita dell'autore di Forum, o del Tg1. Quindi, rispetto.  


« [...] ci sono cose che non si fanno per coraggio. Si fanno per potere continuare a guardare serenamente negli occhi i propri figli e i figli dei propri figli. C’è troppa gente onesta, tanta gente qualunque, che ha fiducia in me. Non posso deluderla. »
(Carlo Alberto Dalla Chiesa al figlio, citato in 'Delitto imperfetto' di Nando Dalla Chiesa, 1984)


Repubblica Democratica delle Banane
11 dicembre 2010
Un parlamentare è per sempre

La Confcommercio diffonde un dato allarmante: i consumi natalizi sono calati di 1,2% rispetto al 2009. In compenso però è in netta ripresa il mercato dei parlamentari. 
E' un mercato in fermento. La maggioranza, ad esempio, da sola ne ha comprati tre. O quattro. Ma non ho ancora deciso a chi li vogliono regalare. 
E' un mercato incalzante. Alcuni si sono sono trasferiti a titolo definitivo. Per altri è stata rinnovata la comproprietà. Come, ad esempio, D'Alema.

E' un mercato che era stato sottovalutato, quello dei parlamentari. Un articolo molto richiesto.
Sei in crisi? Ti manca la fiducia? Vuoi tornare a credere in te stesso? Vuoi che anche gli italiani ti credano? Vuoi che anche i giudici ti credano? (o ancora meglio, che non ti ascoltino proprio?)
Allora è quello che fa per te: regalati un parlamentare! E riacquisterai la fiducia che ti mancava.
Regalati un parlamentare, perché un parlamentare è per sempre! (traduzione: una volta acquistato, verrà rieletto, sempre)

Però mi raccomando, attenzione alle imitazioni. Ad esempio, se vi offrono un tizio con la pelata, che parla un pò strano e che ha sempre le maniche rimboccate, non lo comprate. E' finto.
Ci sono case produttrici invece più affidabili. L'Italia dei Valori, ad esempio, ha prodotto la linea "Il Voltagabbana". E' un modello che odia Berlusconi, ma che ha così a cuore la Nazione, che è disposto a vendersi per voltare la fiducia, perché le elezioni anticipate sarebbero un danno per tutti.
C'è anche il modello etnico, della Sudtiroler Volkspartei, che dice "mi vendo per quattro fichi, ma ne valeva la pena".
Un pò meno caro, ma allo stesso tempo interessante, è il modello "Calearo", di una sconosciuta casa produttrice: è diventato parlamentare grazie a Veltroni, ed è così fedele alla linea politica di chi lo ha lanciato, che si astiene.

C'è un unico problema: sono articoli che vanno in esaurimento. In quel caso dovrete ripiegare su qualcosa di più economico: una prostutita. Tranquilli, da una indagine di marketing è emerso che chi desidera un parlamentare per Natale, solitamente va a puttane. Quindi apprezzerà comunque.




Repubblica Democratica delle Banane
27 maggio 2010
E vissero tutti felici e contenti

Bersani: "Il governo fino ad ora ha raccontato favole". Tanto bene che l'opposizione si è addormentata.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. governo crisi pd bersani opposizione

permalink | inviato da archi il leone il 27/5/2010 alle 11:27 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Repubblica Democratica delle Banane
23 dicembre 2009
Interessi culturali

La commissione "cinema" del ministero ha riconosciuto "Natale a Beverly Hills" come film di interesse culturale. Decisione che se confermata, consentirebbe alla produzione di ottenere buoni vantaggi economici. Da qui il nome di "interesse culturale". D'altronde cosa ci si può aspettare da un governo che in passato ha riconosciuto Gasparri come ministro?!

Lo stesso Gasparri sembra che sia rimasto molto colpito dalla morale che si nasconde dietro la trama di questo cinepanettone. Trama che lo stesso ha riassunto con un semplice termine: "alimortacci".

Ad ogni modo il Governo, per placare le polemiche, spiegherà perché "Natale a Beverly Hills" è un film di interesse culturale stasera a Porta a Porta, che è un programma di approfondimento culturale.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. governo gasparri natale beverly hills

permalink | inviato da archi il leone il 23/12/2009 alle 16:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
ottobre        dicembre