.
Annunci online

Repubblica Democratica delle Banane
17 novembre 2011
In tempi di crisi
Monti presenta il programma: come segnale di continuità elenca una serie di promesse irrealizzabili. 

Ai senatori dice: "Vi suggerisco di ascoltare e non di applaudire". Affermazione accolta da scroscianti applausi. 
  
Berlusconi: "Con Monti la democrazia è sospesa". Non resta che attendere che qualcuno tagli il filo.

Molti dei nuovi ministri vengono dal mondo dell'Università. In questo momento di difficoltà, si è dovuto pescare in una delle poche realtà che in Italia funziona. 

Sorpresa fra i nuovi ministri. Ai rapporti con il parlamento c'è Andreotti.

Però una novità è significativa: in tre ministeri chiave sono state scelte tre culone inchiavabili.

A quanto pare, con il governo Monti, Berlusconi esce di scena. Ed ora quell'insopportabile attesa fra un atto e l'altro. 

Però per Maroni con il Pdl è una rottura. Senza Silvio sono noiosi. 

Casini: "L'intesa su Monti è un miracolo". Cercando il consenso dei cattolici.

Bersani: "E adesso rimbocchiamoci le maniche". Credo che ormai sia arrivato alle spalle.

Fini risponde a chi gli ricorda che aveva promesso di dimettersi se l'avesse fatto anche Berlusconi: "Le polemiche sulle dimissioni appartengono ad un'altra stagione". Quando accusava Berlusconi di non saper mantenere le promesse. 

"Governo Monti durerà se i mercati saranno favorevoli" ha detto il presidente della Camera, esaltando la democrazia.

"Votiamo la fiducia. Nel programma mi è parsa una continuità col nostro governo". Ha detto Gasparri, confermando i suoi problemi di attenzione.

La parola d'ordine del nuovo governo è sobrietà. Si teme il proibizionismo.

Ma a quanto pare i mercati reagiscono bene. Diminuisce lo spread fra frutta e verdura.

La famiglia di Monti era al Senato per ascoltare il discorso. E sorridevano.

Lui vuole il 2013. Anche a tasso variabile.

Adesso l'intera classe politica italiana deve avere senso di responsabilità. Bisogna dimostrare subito all'Europa che siamo ancora in grado di fare inciuci.
Pensieri e Banane
28 ottobre 2011
Riflessioni giusto per capire su che tipo di morto ci si può scherzare

Simoncelli è morto, ce ne siamo accorti tutti. Inizialmente pensavo solo che ad un po' di miei amici fossero cresciuti dei capelli ricci enormi. Poi ho capito che avevano solo cambiato l'immagine del profilo, e lì mi sono insospettito. Negli stessi giorni è morto un attore emergente, tal Damiano Russo, anche lui per un incidente in moto. Quest'ultimo è stato più fortunato: guadagnava ancora troppo poco perché la gente cambiasse la propria immagine del profilo con la sua. O gli didicasse orribili fotomontaggi mentre sfreccia fra le nuvole. O scrivesse messaggi del tipo "Ciao Damiano, mi mancherai <3 <3. by Unokenontihamaiinculatoprimamakmqscosso87".

 

Ma parliamo della soglia di indignazione: altissima. C'è chi ha fatto battute sull'argomento Super Sic, ma poi ha ritrattato. Chi le ha fatte comunque, ed ha perso fan come se fossero piloti di MotoGp (quest'ultima affermazione, ad esempio, vale -5 fan). Naturalmente battute a cui segue sommossa del lettore di altra integrità morale che accompagna il suo sdegno con frasi del tipo: "Non si scherza su questa tragedia! Muori!". Infatti lui non scherza, lo dice serio. Quindi è per lo meno coerente.

Probabilemente è lo stesso utente che quando qualcuno aveva fatto battute sul terremoto di Haiti, aveva accompagnato il suo sdegno con frasi del tipo "Hi hi hi, rido perché è lontano".

 

Puoi guardi i funerali, vedi la cerimonia, senti frasi del tipo "Simoncelli, ora sei sul podio più alto". E pensi,"Cazzo, ma è una battuta!". E fa pure cacare. E allora ci si interroga sul perché qualcosa suscita indignazione, ed altro invece tenerezza. Credo di aver capito: se muore uno famoso e vuoi scherzarci su, lo puoi fare. L'importante è che lo fai con una faccia triste.   

Banane dal Mondo
21 ottobre 2011
Gheddafù
Diffuse le foto del rais insanguinato. 
Per continuare la guerra contro i ribelli stasera gli toccherà fare un videomessaggio molto convincente. 

In uno dei suoi ultimi messaggi disse: "O vittoria o morirò da martire". È stato di parola. 

È stato trovato in una buca. Macchinoso il suo piano di fuga in Sud America.

"Morto Gheddafi? A casa i clandestini libici" Ha detto Bossi, costretto purtroppo per contratto a parlare solo immigrazione. 

"Sic transit gloria mundi" ha sospirato Berlusconi, sfogliando le sue foto ricordo. 

Un altro nemico della libertà è stato trovato, ucciso, e le sue foto stanno facendo il giro del mondo. 
Ora a chi serve un altro poco di libertà? 

Le sue ultime parole sono state "Non sparate". Purtroppo le ha dette in arabo. 

Bonino: "Gheddafi non si meritava la 'bella morte' in battaglia ma un 'bel processo' da imputato". 
Sì, ma ormai le foto insanguinate erano già state fatte fare.

La Francia: "Morto Gheddafi, la guerra è finita". Ed ora andiamo in pace. 

Cnt: "Gheddafi verrà sepolto secondo il rito". Dopo essere stato ucciso secondo il rito.

Il ministro degli esteri cinese: "Speriamo che la transizione verso un processo di inclusione politica inizi il prima possibile, per salvaguardare l'unità etnica e nazionale e ricostruire al più presto l'economia". 
Che in ideogramma cinese si scrive $$$.

All'obitorio di Misurata diversi libici si sono fatti fotografare con il corpo di Gheddafi.
Che è dovuto restare in posa per ore.

Tutti i telegiornali hanno diffuso le foto cruente dell'uccisione del rais, previo avvertimento "Attenzione, le immagini che seguono potrebbero urtare la sensibilità". Avviso che probabilmente andrebbe dato in generale, prima della pagina politica. 

Ammaccature Mentali
26 settembre 2011
Proposte e rifiuti
Napoli, i rifiuti tornano in centro. "Ci siamo persi qualcosa?"

Pescara. Bambina muore travolta da una statua raffigurante un equilibrista, di dubbia bravura.

Trovato il gene della SLA. 
E pensare che è sempre stato lì, immobile.

Napolitano: "Chi parla di secessione è fuori dalla storia e dalla realtà". 
Fosse vero.

Lampedusa: tunisini danno fuoco al centro di accoglienza. Faceva freddo.

Esonerato Gasperini. Decisivo l'ultimo gioco di parole sui titoli della Gazzetta.

Nessun rispetto per il ricordo in Sicilia: verrà costruita una discarica nel luogo dove si suicidò Peppino Impastato. 

Nel luogo dove fu ucciso Peppino Impastato verrà costruita una discarica. 
Ma parliamone fra qualche anno: ora siamo troppo occupati con il ritrovamento delle intercettazioni del premier.

Roma, un pregiudicato viene sparato alle gambe. 
Ora avrà bisogno di un accompagnatore coatto.

Breivik dalla cella: "L'isolamento è una tortura". 
Quando fra 21 uscirà, potrebbe impazzire e fare una strage.

Afghanistan, continua il lento rimpatrio dei militari italiani.

Dopo il declassamento, Bersani convoca i dirigenti locali del PD: "Cosa non facciamo oggi?" 

È una calabrese la vincitrice di Miss Italia nel Mondo. 

ONU i palestinesi chiedono di essere riconosciuti. Ma per me rimangono tutti uguali. 

Marrazzo: "Mi sono dimesso, ma non dalla vita". In giù.

Napolitano: "Servono comportamenti adeguati alla crisi". 
Dai, vestiamoci tutti da straccioni.

Berlusconi avrebbe infilato un crocefisso fra i seni di Nicole Minetti. 
E, chinato il capo, aspirò. 

La critica si divide sull'Arcuri. Metà sopra e metà sotto.

Berlusconi avrebbe infilato un crocefisso fra i seni di Nicole Minetti. Quando la passione ti prende...

L'Arcuri rifiutò di fare sesso con Berlusconi per condurre Sanremo. 
Ora bisogna capire chi si è trombata per fare tutte quelle fiction. 

La Rai boccia l'accordo e Parla con me non andrà in onda. 
C'è così tanta indignazione che sembra quasi un bel programma.

Il giudice blocca la messa in onda di "Baila!": copia il format di "Ballando con le stelle". 
Giustissimo. Anche se non capisco perché Tg1 e Tg4 continuino ad andare entrambi in onda.

Scoperta una fossa comune a Tripoli. Infatti la notizia non è interessata a nessuno. 

In Arabia Saudita via libera alle donne in politica. Riservati dei comodissimi posti sotto i banchi del consiglio. 

Negli Emirati Arabi per la prima volta una donna entra in parlamento. "Ma qui è tutto in disordine!"

La messa in discussione della teoria di Einstein apre nuovi inaspettati scenari. 
Presto, una delorean.

I Rem si sono sciolti. 
Infondo non è la fine del mondo. E lo sappiamo.
Repubblica Democratica delle Banane
29 marzo 2011
Comparse

A Forum una finta terremotata loda l'azione del Governo. Voleva essere una perfetta metafora di una finta ricostruzione.

Lei ammette che c'era un copione. E mica da mo.

Intanto la redazione Mediaset difende Rita Dalla Chiesa. Tra l'altro per lei non deve essere stato facile crescere solo con esempi negativi in famiglia.

(Già, c'è brutta gente in giro che per la verità darebbe pure la vita)

"Arrivare a ipotizzare che le affermazioni spontanee della signora abruzzese siano frutto di un piano architettato a tavolino è un chiaro attacco strumentale che Mediaset respinge" precisa la rete in una nota. Inoltre si smentisce anche che la signora abbia cantato.

Eppure la donna dice "L'uomo che interpretava la parte di mio marito nemmeno lo conoscevo". Una frase che sembra rubata dalla lettera di Veronica Lario a Repubblica.

La Pezzopane: "Un insulto alla nostra gente, pensiamo ad una causa civile contro Forum". Sono aperti i provini per affidare la parte di Forum. 

E mentre infuria la polemica, il patron Berlusconi viene accolto al processo Mediatrade da una folla di suoi sostenitori. Che per coincidenza vengono direttamente dai casting di Forum.

In merito alle accuse, ha anche affermato di non essersi mai occupato della compravendita dei diriti cinematografici. Infatti lui al massimo si occupa dei testi.
(Questo lo aveva detto a Mattino 5 a Belpietro, un'altro tipico esempio di persona pagata per recitare una parte.)

Ad ogni modo basta con tutte queste polemiche. Non è una novità che le cause di Forum sono inventate e chi è lì è solo un attore. Una persona che guarda quel programma sa che sta vendendo qualcosa di non vero, così come lo sa un grande fan dei Cesaroni o un telespettatore del Tg1. La grande fiction italiana, che ha un suo nome e una sua tradizione. Non la si può attaccare in questo modo. Anche se parla di temi scomodi, come la diversità, l'omosessualità, le sedie dell'Ikea, la finta ricostruzione dell'Aquila.
Pensate che sia facile scrivere dei testi che parlano di questo ed essere realistici? Pensate a chi deve scrivere i discorsi del Premier, o il programma del Pd, che ogni giorno deve inventarsi cose che non esistono. Bé questa è anche la vita dell'autore di Forum, o del Tg1. Quindi, rispetto.  


« [...] ci sono cose che non si fanno per coraggio. Si fanno per potere continuare a guardare serenamente negli occhi i propri figli e i figli dei propri figli. C’è troppa gente onesta, tanta gente qualunque, che ha fiducia in me. Non posso deluderla. »
(Carlo Alberto Dalla Chiesa al figlio, citato in 'Delitto imperfetto' di Nando Dalla Chiesa, 1984)


sfoglia
ottobre        dicembre